grazie a SOGNI SU CARTA per l'immagine
Il blog è aperto a tutti, scrivete anche voi la vostra storia!!!

basta inviare una mail a [email protected]
oppure compilare il modulo di contatto per poter diventare autori

gruppo FB!!!!!!!!!!

a disposizione il gruppo FACEBOOK per consigli sui temi da trattare nelle rubriche e per condividere esperienze chiedete di essere aggiunte!!!! https://www.facebook.com/groups/783651041653544/

giovedì 31 ottobre 2013

Le ricette di Ele



PESTO PER TUTTE LE STAGIONI
Questa settimana, ho pensato di proporvi tanti tipi di pesto un po' alternativi, o meglio come già vi svela il titolo, " Pesto per tutte le stagioni"
Vi assicuro che non ne rimarrete deluse: provare e cucinare per credere ;-)
(Ricette tratte dalla collana "A tavola con Marco Bianchi" )

PESTO DI RUCOLA E MANDORLE             
(immagine presa dal web)

Ingredienti per 4 persone
100 g di rucola
20g di grana grattugiato
50 g di mandorle pelate e tostate
130 ml di olio extravergine di oliva
1 spicchio di aglio sbucciato (facoltativo)
Sale

Con il minipimer o altro frullatore, frullare tutti gli ingredienti ed eventualmente aggiungere più olio, se la consistenza non è quella desiderata.

mercoledì 30 ottobre 2013

"TUTTI I SANTI GIORNI"


Guido è una persona gentile. Dotto e appassionato di lingue antiche e agiografia protocristiana, è portiere d'albergo e compagno innamorato di Antonia, che sveglia ogni santo giorno col caffè, due cucchiai d'amore e l'illustrazione di santi, eroi e martiri. Impiegata in un autonoleggio col talento per la musica, Antonia ricambia Guido col medesimo trasporto. Precari nella vita ma saldi nei sentimenti, Antonia e Guido spendono i loro giorni a troppe fermate d'autobus da Roma, condividendo affanni e giardino con un vicinato greve che prova a sopravvivere tra una partita della 'maggica' e un figlio sempre in arrivo. A non arrivare mai è invece il loro bambino, desiderato e cercato con ostinazione e pianificazione tra luminari in odore di santità e ginecologhe progressiste. Assistiti, nella fecondazione artificiale e nel quotidiano tangibile, dal loro inalienabile amore, Antonia e Guido si perderanno per ripartire un'altra volta, (ri)chiamando l'attacco della loro canzone. 

martedì 29 ottobre 2013

FRESCOLINO...FRESCOLINISSIMO


Oggi parliamo di freddo e ghiaccio. Ma non mi riferisco al meteo, bensì all'utilizzo del freezer o congelatore.
Personalmente non sono una grande fan dei cibi surgelati (prodotti del supermercato) ne di quelli congelati. Ho la possibilità di uscire e fare la spesa all'occorrenza e comunque prediligo cucinare cibi freschi, che siano carni o alimenti vegetali.
Ma devo ammettere che il freddo è uno dei metodi migliori di conservazione, infatti non richiede l'uso di sostanze nocive come conservanti e mantiene quasi del tutto inalterate le proprietà nutritive dei cibi.
Quindi nonostante la mia preferenza per i freschi, nel mio freezer non mancano mai dei prodotti di emergenza (minestrone, filetti di sogliola, bistecchine) o prodotti che non si trovano in tutte le stagioni come il pesto fatto in casa, fagiolini, zucca biologica, zucchine dell'orto di mio marito e per finire un "mai senza" di tutte le mamme con bimbi scatenati, ovvero il ghiaccio! 


lunedì 28 ottobre 2013

halloween: si o no?

tra qualche giorno è Halloween... noi non l'abbiamo mai "festeggiato" e non credo nemmeno che i bimbi ne sentano necessità a dire il vero. Ma quest'anno... abbiamo avuto bisogno di affrontare il tema delle paure.

domenica 27 ottobre 2013

Il latte di mamma non si scorda mai...sarà vero?





Qualche giorno fa il controllo pediatrico alla mia bambina, tutto bene, tutto nella norma...ad un certo punto la pediatra mi fa: “mi sembra che prendeva ancora il latte di mamma” ed io “si”, lei: “continuiamo”.
Con mia figlia la storia del allattamento l'ho vissuta a tappe...mi dicevo vorrei arrivare almeno fino ai 12 mesi...ed ora che ci siamo mi dico che vorrei che la “separazione” dal allattamento fosse un processo naturale. Intanto il nostro personalissimo obiettivo adesso sono i 14 mesi...
Ma è una cosa naturale e fisiologica prolungare l'allattamento al seno?
Mi viene in mente la pubblicità di una famosissima marca per bambini che esordisce dicendo “nei suoi primi 1000 giorni il latte materno è importante” anche se la matematica non è il mio forte da un rapido calcolo arrivo a presumere che i primi 1000 giorni altro non sono che 2 anni e 7 mesi circa, quindi si parla di allattamento che va ben oltre i 12 mesi.
Questo mi rimanda alle direttive dell'OMS ( Organizzazione Mondiale della Sanità) in cui si sostiene che essendo il latte materno ricco di nutrimenti i bambini andrebbero allattati esclusivamente al seno per i primi 6 mesi, tale allattamento (ormai non più esclusivo) dovrebbe continuare per due anni e oltre secondo il desiderio della mamma e del bambino.
Si parla in questo caso di allattamento prolungato e questo a molte persone fa storcere il naso, molti (soprattutto le vecchie guardie) sostengono che l'allattamento prolungato sia solo una paura della mamma di rendere “autonomo” il suo bambino, per altri è solo un vizio per altri ancora un bambino di 2 anni allattato al seno non è più quell'immagine tenera di mamma e bambino alla quale la società ci ha abituato.
Io ho voluto fare due chiacchiere con due amiche.
Condivido con Teresa la nascita in una città piena di contraddizioni, Teresa vive a Napoli ha 35 anni ed è sposata e ha 2 splendidi bambini Daniele 5 anni e Giulia 2 anni e mezzo. Quando ero incinta lei mi parlava sempre di quanto fosse bello allattare il proprio bambino ed è stato a lei che ho pensato dopo la prima poppata.
Colette è una mamma (presto mamma bis) di 32 anni di Busto Arsizio ha una bimba di 5 anni, Emma ed è incinta di un'altra bambina (noi tutti la chiamiamo fucsietta) da quasi 31 settimane.
Quando ho pensato di affrontare il tema dell'allattamento prolungato nella mia rubrica della domenica avevo già ben chiaro di voler intervistare loro due, Teresa ha potuto avere un'assaggio della mia testardaggine, ma leggendo le loro parole, vi renderete presto conto che sono perfette per l'argomento trattato. Ve le presento:

Teresa - Mentecontorta

  1. Come ti chiami?
    TERESA

  2. Nickname?
    MENTECONTORTA

  3. Professione?
    CASALINGA

  4. Quale animale ti piacerebbe essere?
    MI PIACEREBBE ESSERE UN'APE, MA NON UNA DI QUELLE ALLEVATE PER IL MIELE E L'IMPOLLINAZIONE. LE API SONO MOLTO INTELLIGENTI, VIVONO IN GRUPPO (IO DETESTO STARE DA SOLA!) E POI IN GENERE L'UOMO NE STA MOLTO LONTANO E MENO UOMINI VEDE UN ANIMALE E DECISAMENTE MEGLIO STA!

  5. Dove vorresti vivere?
    A FIRENZE

  6. Film preferito?
    NON GUARDO MOLTA TV E NON RICORDO L'ULTIMA VOLTA CHE SONO ANDATA AL CINEMA...MI PIACE MOLTO “IL CICLONE”

  7. Piatto preferito?
    NON SAPREI, ULTIMAMENTE HO STRAVOLTO COMPLETAMENTE IL MIO STILE DI VITA E CAMBIATO ALIMENTAZIONE, QUINDI DEVO ANCORA RODARE CON I NUOVI PIATTI E I NUOVI SAPORI! PERO' QUELLO PER CUI “ESCO PAZZA” E RESTERO' “PAZZA” E' UN BEL PIATTO DI FICHI APPENA COLTI.

  8. Vacanza ideale?
    LA MIA VACANZA IDEALE E' LA MONTAGNA, SEMPRE E COMUNQUE MONTAGNA. MI PIACEREBBE VISITARE L'ALTO ADIGE, O LA VAL D'AOSTA, LA VALTELLINA, IL TRENTINO...BASTA CHE CI SIANO VERDE, MONTAGNE, LAGHI E ARIA PULITA...QUESTO MI RENDE FELICE.

  9. A che età sei uscita di casa?
    28, QUANDO MI SONO SPOSATA.

  10. La parolaccia che dici più spesso?
    POCA PALETTA...MA ANCHE MANNAGGIA A CIPPIRIPON, MA VAFFANCIULLO!



    Colette - Cochi

    1. Nome?
      COLETTE

    2. Nickname?
      COCHI, COME MI CHIAMANO TUTTI

    3. Professione?
      PSICOTERAPEUTA

    4. Quale animale ti piacerebbe essere?
      UNA TARTARUGA PERCHE' VIVE A LUNGO, HA LA POSSIBILITA' DI VEDERE TUTTO QUELLO CHE SUCCEDE PER 100 ANNI E PIU'... MICA POCO.

    5. Dove vorresti vivere?
      METTO SEMPRE FACILMENTE GROSSE RADICI...QUINDI VORREI VIVERE QUI DOVE VIVO.

    6. Film preferito?
      FAMILY MAN.

    7. Piatto preferito?
      ULTIMAMENTE LA PASTA...IN OGNI MODO.

    8. Vacanza ideale?
      AL MARE E IN SPIAGGIA D'ESTATE, SULLA NEVE TRA CIOCCOLATE CALDE E CAMINO D'INVERNO, NEL VEDERE I COLORI DELLE CITTA' D'ARTE O DELLE GRANDI CAPITALI IN AUTUNNO E IN PRIMAVERA.

    9. A che età sei uscita di casa?
      25 ANNI. MA LAVORO DA QUANDO NE AVEVO 18, HO FATTO VERAMENTE DI TUTTO PER PAGARMI LE SPESE.

    10. La parolaccia che dici più spesso?
      CAZZO!



      Teresa e Colette siete favorevoli o contrarie all'allattamento prolungato?

      TERESA: Favorevole.
      COLETTE: Contraria tendenzialmente all'allattamento prolungato.

      Quando eravate incinte vi siete documentate sull'allattamento? Se si in che modo?

      TERESA: No, non mi sono documentata, l'unica cosa di cui ero certa è che tutte le mamme hanno latte (tranne casi rari) e che non c'è alimento migliore per un neonato.
      COLETTE: Si, una certa quantità di informazioni l'avevo appresa all'università, la linea di pensiero dei neonatologi che sono stati miei professori era assolutamente PRO-ALLATTAMENTO. Poi in gravidanza ho letto, ho fatto corsi...insomma mi sono ulteriormente informata.

      All'inizio avete avuto difficoltà con l'allattamento?

      TERESA: Con Daniele (il mio primo figlio) la difficoltà iniziale c'è stata, dovuta al cesareo. Ovviamente chi ha avuto un cesareo può tranquillamente allattare, la mia difficoltà era dovuta al non riuscire a trovare, in ospedale, una posizione che non mi provocasse dolore alla ferita. Non riuscivo a tenere mio figlio in braccio e mia mamma lo teneva lei per farmelo allattare. L'ospedale in cui ho partorito Daniele non propagandava certo il latte di mamma, ogni tre ore arrivavano con un biberon di latte artificiale da dare subito finché era caldo...nessuna ostetrica, e dico nessuna, è mai passata a controllare se allattavo, come allattavo e a consigliarmi una posizione o altro. Mi hanno dimessa da quel ospedale con una bella prescrizione di una nota marca di latte e il suggerimento di un'acqua più adatta a mio figlio da usare. Acqua e latte che mia mamma è corsa alle mie dimissioni a comprare e che, fortunatamente non ho mai usato.
      Decisamente il sostegno peggiore che potessi ricevere da neomamma!
      Con Giulia non ho avuto mai nessuna difficoltà.
      COLETTE: No, al parto appena dopo il bagnetto di rito, me l'hanno messa in braccio ed Emma si è praticamente attaccata da sola. Mia figlia ciucciava dal seno ed io la guardavo stupita perché era talmente decisa e abile che sembrava lo facesse da anni. Ricordo che l'ostetrica scherzando mi disse: “Deve aver fatto un corso intensivo in pancia in questi nove mesi.” La montata lattea è arrivata dopo 3 giorni, poi ho avuto le ragadi, ma si sono risolte in una quindicina di giorni.

      Avete mai utilizzato il tiralatte per non togliere la possibilità ai vostri figli di bere il vostro latte?

      TERESA: Ho la fortuna di stare in casa e non lavorare, quindi non ho mai usato il tiralatte. Una sola volta l'ho usato con Daniele sotto consiglio “vedi se hai latte e quanto ne esce”, ricordo che non ne uscì neanche una goccia...liquidai il tiralatte e continuai ad allattare!
      COLETTE: Si, sono rientrata a lavoro al 4 mese ed ho iniziato a tirarlo con il tiralatte.

      Teresa, perché hai scelto di allattare per lungo tempo? E tu Colette perché hai scelto di allattare per meno tempo?

      TERESA: Mi metti in crisi con questa domanda, le scelte che reputo importanti nella mia vita sono: LA SCELTA DELL'ALLATTAMENTO PROLUNGATO, LA MIA SCELTA ALIMENTARE, LA MIA SCELTA RELIGIOSA...sono tutte difficili da spiegare, sono un po' personali per spiegarle a chi non mi conosce. Credo comunque che uno dei motivi per cui allatto ancora Giulia, sono intenzionata a continuare, è una sorta di “risarcimento” se così lo posso definire. Avevo sognato per lei una nascita da manuale, un parto naturale. Purtroppo non è andato tutto come nelle mie previsioni e così mi sembra che nell'allattamento io riesca bene in una cosa che le fa del bene e quindi continuerò finché a lei farà piacere.
      COLETTE: Credo molto nell'importanza nutrizionale, soprattutto immunologica del latte materno. Sono contenta di aver allattato Emma esclusivamente per quei mesi. A 5 mesi lavoravo, facevo di tutto per organizzarmi con la piccola, mio marito fa un lavoro che lo porta fuori casa anche 14 ore al giorno e in più stavamo traslocando. Un periodo di stress e stanchezza fisica (non si dormiva per più di 3 ore filate) e mi sono resa conto che avevo meno latte, Emma era affamatissima e così ho iniziato a darle il latte artificiale a pasti alterni. Poi siamo passati al seno solo alla sera e nel giro di qualche mese Emma non l'ha più cercato.

      Sapete che l'OMS suggerisce l'allattamento fino al primo anno di vita e consiglia l'allattamento prolungato fino ai 3 anni? Quali sono secondo te Teresa i vantaggi che può dare l'allattamento prolungato? E secondo te Colette gli svantaggi che può dare prolungare l'allattamento?

      TERESA: So che è consigliato allattare almeno fino all'anno, attraverso il mio latte le passo amore e nutrimento. Non ti so dire quali sono i vantaggi, io allatto mia figlia perché so che ne ha bisogno o ne ho bisogno io come sostengono in tanti.
      COLETTE: Io non sono assolutamente categorica su quando smettere. L'unica risposta che mi viene in mente alla domanda “quando smettere?” è BOH!!! C'è bimbo e bimbo e situazione e situazione. Emma a 5 mesi era soddisfatta dal rapporto “io-biberon-lei”, mia nipote 12 mesi era qualche settimana che non cercava più il seno, ora sta poco bene e l'ha nuovamente cercato.
      Sono la prima ad avere detto a mia sorella di rassicurarla e coccolarla con il seno in quei giorni in cui ne sentiva il bisogno. Secondo me, ma è solo un'opinione personale, la cosa più importante è (oltre ad una certa età del bimbo) fermarsi a riflettere sul perché noi mamme stiamo ancora allattando, i motivi possono essere svariati.
      Nella mia esperienza lavorativa (scusa, ma faccio fatica a disgiungere ed escludere questa parte) mi è capitato di vedere mamme che inconsapevolmente hanno tanta necessità/bisogno/desiderio di vedere i propri figli ancora dei cuccioli indifesi che hanno ancora tanto bisogno di noi.
      Sentirsi ancora importanti nel nutrimento, nell'essere “cercate”, nel perpetuare la simbiosi con loro.
      Donne che faticano a trovare un ruolo sociale/lavorativo/ di moglie/ amica e che quindi investono tutto nel ruolo di mamma.
      La nostra vera bravura sta nel non incastrare loro nel ruolo di eterni bimbi bisognosi di noi, ma, accompagnarli in un percorso fatto di crescita e nuove tappe tutte da scoprire.

      Teresa, quando hai iniziato ad allattare sapevi già che lo avresti fatto per così tanto tempo? Colette, tu sapevi già che lo avresti fatto per un tempo più breve?

      TERESA: Sapevo con certezza assoluta che i miei figli avrebbero preso il latte di mamma esclusivo fino ai 6 mesi. Con Giulia sapevo che l'avrei allattata almeno fino all'anno, ma non mi ero posta nessun obiettivo.
      COLETTE: Ho iniziato ad allattare davvero con la massima tranquillità, dove mi avrebbe portato quella strada non me lo sono nemmeno chiesta. Non fosse andata bene da subito non ne avrei mai fatto un dramma o vissuto come una sconfitta.

      Tornando indietro, cambiereste qualcosa?

      TERESA: Assolutamente si! Ho smesso di allattare Daniele verso i 9 mesi, tornando indietro avrei continuato ad allattarlo come sto facendo con Giulia.
      COLETTE: Nulla sotto questo punto di vista.

      Teresa, fino a quanto pensi di allattare Giulia? Colette, come ti comporterai con la piccola che hai in grembo in merito all'allattamento?

      TERESA: Finché lo vorrà lei! Non posso dirti fino ai 3 anni o fine a fine inverno o altro. Non so!
      COLETTE: Stesso atteggiamento. Mi piacerebbe molto allattarla, ci proverò di sicuro, sento di poter gestire ragadi e 24 ore dedicate solo a lei con più consapevolezza di 5 anni fa... ma ripeto, non mi creerei problemi se non dovesse andare così. Il discorso di sentirsi madri di serie B se non si riesce ad allattare non fa parte di me. Forse sono condizionata da ciò che ho studiato, dai libri e da quali sono le reali caratteristiche delle madri di serie B, e non sono di certo l'avere più o meno latte.

      Teresa, cosa rispondi a chi ti dice che non fa bene né a te né a Giulia la “dipendenza” dal seno? E tu Colette, cosa rispondi a chi ti dice che allattando per pochi mesi non dai a tua figlia vantaggi di salute, nutrimento e coccole?

      TERESA: Gli dico che io non arreco danno a nessuno, né a me né a mia figlia. E sono più che certa che prima o poi Giulia smetterà di prendere il latte di mamma.
      COLETTE: Mi fa sorridere l'affermazione. Trovo un po' ingenuo e semplicistico il discorso. Mi è capitato in passato di partecipare a discussioni su forum di allattamento, dove in effetti si respira molto integralismo e una certa rigidità di pensiero. La teoria corrente è: “Dando la tetta, io rispondo al suo bisogno di nutrimento e soprattutto di affetto/ascolto ecc...”
      Quando chiedevo loro quante volte (con bimbi over 2 anni) si fermavano a leggere una storia, a pasticciare su un foglio a colori, a mettere due lego insieme, bisogno psico-affettivo-cognitivo enorme a 2 anni, nessuna di loro ha mai risposto a questa mia domanda.
      Dare il seno non è condizione necessaria e tanto meno sufficiente per essere buone madri...troppo facile pensarlo.



      Teresa e Colette ringrazio anche voi per il tempo che mi avete dedicato e avete dedicato a tutte noi, la vostra testimonianza in un senso e nel altro aiuterà sicuramente ognuna di noi a rivedere posizioni a volte fin troppo rigide... infondo una mamma deve avere solo a cuore il bene del suo bambino e se il bene per quel bambino è ciucciare il seno fino a 3 anni che ben venga così come se quel bambino inizia a perdere interesse per il latte di mamma o se la mamma non ha la calma e tranquillità necessaria per continuare l'allattamento... che ben venga tutto purché sia fatto in serenità...quella dei nostri bambini che non andrebbe mai turbata.
      Un bacio ai vostri bimbi e uno doppio alla panciotta.

      Alla prossima domenica.

      Liu_Jo


      VERSIONE STAMPABILE PDF




sabato 26 ottobre 2013

Con l'esercizio fisico, fitness è wellness!


Vi sarà capitato di sentire spesso parlare di attività o esercizio fisico. Vediamoli nel dettaglio.

Per attività fisica s'intende qualsiasi tipologia di movimento del corpo, prodotto dalla contrazione muscolare e che aumenta il dispendio calorico.
L'esercizio fisico rientra nell'attività fisica, quantificata per volume, intensità e frequenza con cui vengono strutturati i movimenti, in modo ripetitivo, per migliorare o mantenere il proprio stato di forma.
L'attività aerobica è quella forma di esercizio che mette in movimento le grandi masse muscolari di gambe, tronco e braccia con movimenti ciclici e ripetuti. Per intenderci, si tratta di sforzi di entità lieve/moderata ma per periodi di tempo prolungati (almeno 15 minuti). I classici esercizi aerobici sono la camminata, la corsa, il nuoto, il ciclismo, il pattinaggio e lo sci di fondo.
L'attività di tonificazione e potenziamento muscolare permette invece di aumentare la forza e il tono muscolare, attraverso l'uso del peso corporeo o di resistenze (tipo elastici, pesi liberi, manubri, bilancieri) ma anche utilizzando le specifiche macchine da palestra.
La flessibilità invece permette di eseguire tutti i movimenti quotidiani con naturalezza e fluidità. Può essere ottenuta attraverso l'esecuzione costante di esercizi di stretching che aumentano l'elasticità del tessuto muscolare.

Allenarsi a casa è comodo, ma la mancanza di attrezzi spesso rende impraticabili alcuni esercizi, per cui vedremo qualche attrezzo da acquistare per l'allenamento aerobico, per quello della forza e alcuni accessori per fare stretching.
Per l'allenamento aerobico, possono essere usati tutti gli attrezzi cardio-fitness: step, cyclette, tapis-roulant, gli ellittici e il vogatore.
Gli attrezzi più sofisticati e multiuso, tipo panche con manubri e bilancieri servono per l'allenamento della forza.
Per il miglioramento dell'elasticità e flessibilità ci sono accessori specifici: tappetini, palle ed elastici.

Spero di avervi dato un'infarinatura di base e non avervi spaventate.
Per parlare di benessere globale occorre raggiungere e mantenere alcune condizioni oggettive: adeguata capacità aerobica, tono e forza muscolare, flessibilità ed elasticità, peso corporeo ideale, alimentazione bilanciata, abitudini salutari. 
Se adottiamo uno stile di vita sano, raggiungiamo e manteniamo con più facilità queste condizioni, e i benefici che ne otterremo si rifletteranno positivamente su ogni aspetto della nostra vita. E' una sorta di equilibrio tra corpo e mente, che migliora l'umore e quindi relazioni più serene con gli altri.

Lo so che per noi mamme prenderci cura di noi stesse è uno sfizio, non di certo un must. 
Prima vengono sempre i figli, il marito, la famiglia, il lavoro. E all'ultimo posto ci ricordiamo di esistere.
Allora vi dico: proviamo a fermarci, ogni tanto. 
Guardiamoci allo specchio e ascoltiamo cosa ha da dirci il nostro corpo.
Proviamoci, insieme, a ritagliare un piccolo spazio per noi. Solo per noi.

Alla prossima,


Take the Wellness Week Pledge! More info: http://www.spafinder.com/wellnessweek/pledge.htm
{credits by Pinterest Board}

VERSIONE STAMPABILE PDF

venerdì 25 ottobre 2013

I mie 10 must Have






Come primo post ho pensato a cosa secondo me non deve mancare nel Vs. guardaroba per questo autunno/inverno 2014 insomma la classifica dei miei 10 pezzi cult della prossima stagione ..pezzi che sicuramente non mancheranno nel mio guardaroba:



1) Pantaloni baggy in felpa o cotone…li metto sempre e con tutto…
Ne ho presi ben 2 paia da Zuiki a euro16.90 l'uno..(quindi onestissimo prezzo) direi fattibile, sono comodi e alcuni modelli decisamente versatili..non pensate che perche' sono in felpa non possiate metterli con un maglioncino carino..dandogli un tocco non per forza da palestra!





2) Qualcosa di mimetico..una felpa, un maglioncino o gli stessi pantaloni baggy…io ho fatto cosi'..;-) come potete vedere



3) Stivaletto borchiato, andava gia' l'anno scorso e quest'anno non ci abbandona..lo potete mettere con tutto e vi dara' sempre un po' di grinta al look.. il mio look preferito e' jeans stretto stivaletto canotta o maglietta con golfino aperto...ma sta benissimo anche con i leggins e le maximaglie..



4) Sneakers…inutile che ve lo dica io porto praticamente solo queste negli ultimi due anni ho scoperto poi le ASH…e me ne sono innamorata costicchiano vi avviso 140,00 euro circa poi dipende dal modello, ma io non indosso altro quindi direi che il prezzo l'ho ammortizzato.
Comunque per chi volesse risparmiare, ho visto che da Primadonna www.primadonnacollection.com  le hanno copiate, uguali identiche..(forse la pelle non e' pelle) ma ognuno deve guardare al proprio portafoglio..al costo di  euro 39.90….decisamente piu' abbordabili!!! E queste sono veramente delle sneakers carine con una bella linea…che anche sotto i pantaloni a sigaretta fanno la loro figura…





5) Piumino ultraleggero, ce ne sono di tanti modelli e di tanti prezzi soprattutto, io ne ho preso uno online sul sito di Mango euro 49.90 e' arrivato nei giorni scorsi..stupenderrimo unica consiglio Mango veste un po' piccino quindi se avete una S prendete una M,  www.mango.com



6) Qualcosa di leopardato/maculato..lo sooooooo magari vi sembra forte e azzardato ma sta tutto a scegliere il pezzo giusto…io ho delle ballerine..per esempio,  un pazzia fatta qualche anno fa.. sono di Dolce & Gabbana, due  che portano nelle loro sfilate il maculato da tempo immemorabile…della serie, sono sempre troppo AVANTI a tutti.




Questo non vuol dire che dovete mettervi un vestito tutto leopardato..ma un accessorio…si puo' osare cosa dite???


7) Camicia in seta svolazzante..colorata, fiorata o semplicemente tinta unita…io ne ho presa una l'anno scorso color crema…e trovo sia un capo semplice che pero' puo' rendere un look romantico o elegante in base all'occasione d'uso, io l'ho usata lo scorso capodanno con un pantalone nero e lo stivaletto borchiato di cui sopra.



8) La borsa a postina o a cartella, da mettere a tracolla, a me piace capiente perche' come tutte le mamme la borsa deve contenere di tutto e di piu'! La mia e' di Alviero Martini, ma online ne ho viste davvero di carinissime anche a prezzi contenuti.. per esempio sul sito di zara: www.zara.com ne ho vista una fantastica tra l'altro nella categoria bambina (2-14anni) http://www.zara.com/it/it/bambini/bambina-%282-14-anni%29/borse/minivaligia-pelle-satchel-c269263p1364015.html andate a dargli un occhio e' bellissima in pelle a soli 25,95.



9) Bigiotteria…io adoro i braccialetti, d'argento preferibilmente, anche se poi alla fine metto sempre gli stessi 3 per una questione affettiva pero' devo ammettere che durante la stagione estiva ho scoperto la linea OPS, in particolare i "TENNIS" colorati freschi e pure profumati costo 20 euro circa..sono veramente troppo carini.. (dal 20/10 sono anche tra i premi del catalogo esselunga) e nonostante il caldo sia ormai un lontano ricordo e le braccia non sono piu' scoperte mi piace continuare a portarli in fin dei conti non perche' l'estate e' finita..vuol dire che non possiamo sentirci ancora un po' in vacanza..anche solo guardando un braccialetto.





10) Il golfino blu e' una fissa mia..non lo troverete nelle pagine patinate delle riviste...ma per me e' il must...preferibilmente con una linea pulita girocollo o magari con la zip...oppure abbottonato insomma per me e' il top quando la mattina mi alzo e non so cosa mettermi il golfino blu con i jeans mi salva sempre la vita..o perlomeno mi fa sentire apposto e in ordine..nonostante tutto..insomma e' la mia coperta di Linus..e chissa' che non possa diventarlo anche per qualcuna di voi.


VERSIONE SCARICABILE PDF

giovedì 24 ottobre 2013

Le ricette di Ele&Fra;


TREMATE...TREMATE LE STREGHE SON TORNATE...

Emmh scusate la Ele si è fatta prendere la mano.
Eh sì, questa settimana postiamo a 4 mani e come mai vi chiederete?
Ma perchè il 31 Ottobre si festeggia Halloween e come potevamo non postarvi qualche golosa ricettina per un menù a tema??

CREMA DI ZUCCA... DA PAURA
Ricetta tratta dal blog di Natalia Cattelani
Ingredienti per 6 persone. 
Per la crema di zucca: 1kg di polpa di zucca già pulita (tenete presente quando l’acquistate che c’è circa un 20/25% di scarto), 2 patate medie (gr 300) 1 porro, rametti di rosmarino freschi, 2 cucchiai di zucchero di canna(se usate la zucca mantovana non servono), 80/100gr di speck non troppo sottile olio extravergine, sale e pepe.
Per i crostini : 50gr di burro, 50gr di farina di polenta fioretto, 50gr di parmigiano, 150gr di farina, 2 uova, mezzo cucchiaino di sale, semini di papavero, di sesamo , paprika dolce. Carta da forno per ritagliare i modelli dei crostini o formine taglia biscotti a tema Halloween.

Accendete il forno, sulla placca sistemate un foglio di carta da forno, un po’ di olio, i rametti di rosmarino e la zucca tagliata a fette di circa un centimetro scarso di spessore. Spolverate con lo zucchero di canna per far risaltare meglio il dolce della zucca, (se avete una zucca dolce: mantovana come  la Marina di Chioggia o la Violina non occorre lo zucchero) e fate cuocere per circa 30 min a 180°/200°. Nel frattempo preparate il fondo della crema, tagliate a rondelle la parte bianca del porro, e fate appassire in una casseruola con un po’ di olio, aggiungete le patate a dadini , poi coprite con brodo vegetale o anche solo acqua calda . Preparate in una ciotola(io l ho fatto nel robot da cucina) l’impasto dei crostini amalgamando gli ingredienti, se potete, fate riposare l’impasto in frigo. Ricavate i vostri modelli disegnandoli sulla carta da forno, ritagliateli ed usateli come stampini per ottenere le formine scelte. Io ho usato delle formine per biscotti a tema Halloween(fantasmino, pipistrello,gatto nero,zucca) . Spennellate la superficie dei biscotti con un po’ di latte e decorate con i vostri semini e le vostre spezie. Infornate per circa 15 min a 180° Una volta tolta la zucca dal forno, eliminare le tracce del rosmarino, aggiungetela alla base della crema con il porro e le patate già cotte, e con il frullatore ad immersione frullate fino ad ottenere una crema omogenea. Aggiungete altra acqua o brodo seguendo i vostri gusti personali. Tagliate lo speck a striscioline, cuocetelo in una padella antiaderente fino a farlo diventare croccante. Versate la crema di zucca nelle tazze o in una ciotola da portata, distribuite in superficie lo speck, un filo di olio extravergine pepe  e servite con i vostri crostini terrificanti.



VERMI E PISELLI
(Ricetta di Benedetta Parodi)
Ingredienti per 4 persone
250 gr di piselli surgelati o 1 scatola da 250g di piselli cotti a vapore 
(Immagine presa dal web)

1 o 2 Wurstel lunghi 
1 scalogno
olio,burro e sale q.b.

Tagliare i wurstel a strisce tipo vermicelli e metterli a bollire in acqua salata in modo che si arriccino.
Tagliare a fettine lo scalogno e rosolarlo in padella con olio e burro, unire i piselli e farli cuocere ed insaporire.
Unire i wurstel e saltarli per qualche minuto.

MUMMIA AL FORNO
(polpettone di carne con decorazione al formaggio, ricetta di Benedetta Parodi)
Ingredienti per 4 persone:
(Immagine presa dal web)

1 kg di carne trita di manzo
3 uova
10 cucchiai di parmigiano
sale q.b.
prezzemolo q.b.
cipolla essiccata q.b.
2 cucchiai di pangrattato
sottilette o formaggio a fette che fonde ( io avevo usato Lerdammer a fette)q.b.
olive e rosmarino q.b.
Mescolare la carne trita con uova e parmigiano.
Salare e aggiungere prezzemolo, cipolla essiccata e pangrattato.
Tenere da parte due palline di impasto e con il resto formare un polpettone sulla placca da forno ricoperta di carta forno, sagomando la testa e il busto della mummia.
Con l impasto tenuto da parte formare le braccia da applicare sul busto.
Infornare per 30 minuti circa a 180gradi
Nel frattempo tagliare le sottilette a striscioline di 1cm circa.
Appena sfornato il polpettone, applicare le striscioline di formaggio per formare le bende.
Ripassare in forno per un paio di minuti appena per far sciogliere il formaggio.
Completare con due mezze olive nere per formare gli occhi e due rametti di rosmarino per gli scettri.

Mentre la Ele vi ha dato ottime idee per un menù terrificante, io mi sono occupata di cercare dei dolcetti...spaventosi!


FANTASMINI DI HALLOWEEN (grazie per ricetta e foto a http://www.misya.info/ )

Questi dolcini sono semplicissimi e perfetti da fare e decorare con i bambini!

Ingredienti per circa 9 fantasmini 
(Immagine presa dal web)
-50 gr di albumi
-50 gr di zucchero
-50 gr di burro
-50gr di farina
-essenza di vaniglia
-zucchero a velo
-pennina di cioccolato

Mettete tutti gli ingredienti in una ciotola, mescolate fino a ottenere un composto morbido. 
Rivestite la teglia del forno con carta da forno, con un cucchiaio formate dei cerchi di impasto ben distanziati.
Metteteli in forno preriscaldato a 200° per circa 7-8 minuti, saranno pronti quando inizieranno a colorarsi i bordi. Staccateli con una paletta e metteteli in una tazzina a raffreddare. 
Quando si saranno raffreddati cospargeteli di zucchero a velo e decorateli a piacere: felici, tristi o..spaventosi!

TORTA DI HALLOWEEN (per foto e ricetta grazie a http://donna.nanopress.it )

Questa è una velocissima torta decorata a tema.

INGREDIENTI 
(Immagine presa dal web)
-300 gr di farina
-100 gr di burro
-100 gr di miele di acacia
-50 gr di zucchero
-3 uova
-2 cucchiai di cacao amaro in polvere
-250 gr di yogurt
-1 cucchiaino di bicarbonato
-un pizzico di cannella
-un pizzico di noce moscata
-un pizzico di sale
PER DECORARE
-zucchero a velo
-scorze di arancia
-forbici
-un foglio di carta

Preriscaldate il forno a 180*.
Mettete in una ciotola farina, sale, zucchero, bicarbonato, spezie yogurt e uova.
Cuocete in un pentolino il miele, il burro e il cacao a fiamma bassa. Fate cuocere qualche minuto continuando a mescolare, e poi versatelo nella ciotola con gli altri ingredienti. Mescolate gli ingredienti, metteteli in una teglia(meglio apribile) e cuocete in forno per 40 minuti.
Mentre la torta cuoce ricavate dal foglio di carta due triangoli e una striscia con i bordi a zig zag.
Quando la torta è pronta levatela dal forno(anche qui fate la prova stuzzicadente) e fatela raffreddare.  Mettete i triangoli di carta a formare gli occhi e la striscia a zigzag per la bocca: cospargete di zucchero a velo e poi levate i pezzetti di carta. Per il naso usate un pezzo di arancia candita, e se volete anche per le sopracciglia.

MUFFIN ZUCCA E MANDORLE(grazie a www.tortealcioccolato.com per ricetta e foto)

INGREDIENTI
-400 gr di zucca cotta al forno 
(Immagine presa dal web)
-2 uova
-250 gr di farina
-100 gr di zucchero di canna
-mezza bustina di lievito
-mezzo cucchiaino di bicarbonato
-100 gr di burro
-50 gr di farina di mandorle

Frullate la zucca fino a ottenere una crema densa.
In una terrina versate il burro sciolto e le uova, e sbatteteli con una forchetta(o con lo sbattitore).
In una ciotola grande mettete gli ingredienti secchi: farina, farina di mandorle, zucchero di canna, lievito e bicarbonato, e mischiateli.
Versate gli ingredienti liquidi e la zucca frullata sopra gli ingredienti secchi, mescolate e poi versate il composto nei pirottini o nella teglia per muffin.
Cuocete a 180* per 20 minuti circa: vale sempre la prova stuzzicadente.

VERSIONE STAMPABILE PDF

mercoledì 23 ottobre 2013

La Rubrica del Mercoledì : I Love TV



premetto che sono emozionata non poco,e che ho pure l'ansia da prestazione, ma sono davvero lusingata che molte web-amiche a gran voce han voluto che facessi questa rubrica,e io spero di non deludere le loro/vostre aspettative!
mi chiamo Marta,ho quasi 31 anni (e quel quasi ci tengo a rimarcarlo! ;) ) son sposata , ho due figli,meglio conosciuti come terremotini, e faccio la casalinga
voi direte "ecco perchè può fare la rubrica sulla tv,con tutto il tempo che ha!!!"
e invece se non avessi al posto del mio braccio destro il mio adorato MYSKY col [email protected] che sarei riuscita a seguire tutte le serie e i film di cui vi parlerò...
siccome qui girano perlopiù mamme sapranno benissimo che una volta scoperta la tv,i bimbi, non ci lasciano più guardare altro se non cartoni su cartoni,e quindi io sono una drogata di mysky e pure nottambula!
dopo che i bimbi sono andati a letto (alle 21) e dopo aver visto un film o un programma in prima serata che accontenti anche il consorte,attendo il MIO momento da sola col decoder!
e lì nasce l'amore! :)

martedì 22 ottobre 2013

CE L'HO...CE L'HO...MI MANCA!!!



 
Prima di diventare mamma, il mio armadietto delle medicine non era altro che un cassettino del bagno dove oltre a conservare una piccola valigetta improvvisata di primo soccorso, avevo qualche medicinale comprato all'occorrenza.
Le scadenze le verificavo ogni tanto, casualmente.
Sempre prima di diventare mamma non credo di aver mai messo delle medicine nella valigia delle vacanze. Forse una volta un collirio e in altrettante poche occasioni il puff per l'asma. Forse!!
In casa mia c'era un termometro regalatomi dalla mamma, uno di quelli a mercurio e un flaconcino di Bialcol con la scadenza ormai cancellata dal tempo. Del cotone idrofilo ingiallito.
Poi, dopo la nascita della mia primogenita il cassettino è diventato un vero e proprio armadietto!
La farmacista ogni volta che mi vedeva arrivare si fregava le mani e la crescita esponenziale dei medicinali a un certo punto mi ha messo paura!!
Aprivo l'anta più in alto e puntualmente mi cascava in testa qualche scatola...
Un giorno che cercavo la Tachipirina ricordo di aver trovato 3 scatole di supposte, una di gocce per neonati e 2 di sciroppo. La terza bottiglietta era in frigo!! Mi sono impressionata da sola. Dovevo darmi un freno. Dovevo smetterla di comprare medicine senza prima verificare di averle in casa.
Così per cominciare mi sono chiesta in realtà cosa fosse indispensabile e cosa superfluo.
Ecco cosa non dovrebbe mai mancare nella dispensa dei medicinali:
  • un antidolorifico/antinfiammatorio
  • un antipiretico
  • suppostine per favorire l'evacuazione, microclismi o per i più piccoli i sondini
  • una pomata per punture di insetti (leggermente cortisonica o omeopatica)
  • una pomata per traumi o contusioni
  • un collirio rinfrescante e antinfiammatorio
  • termometro
  • borsa dell'acqua calda
  • borsa del ghiaccio o confezione di ghiaccio istantaneo
  • un disinfettante senza alcol o acqua ossigenata
  • cotone idrofilo
  • forbicine con punta arrotondata e pinzette
  • siringhe sterili monouso
  • bende per fasciature e garze sterili
  • cerotti
  • acqua fisiologica
Ovviamente poi ci sono sempre le medicine acquistate nel tempo per le varie necessità tutte rigorosamente conservate, con i seguenti accorgimenti:
  • lontane dai bimbi
  • lontane da fonti di calore - sulla confezione dei farmaci può essere indicata la corretta temperatura di conservazione del prodotto. E' consigliabile rispettare le indicazioni e verificare se il farmaco necessita di una temperatura da frigo o ambiente
  • in luoghi asciutti e lontano dall'umidità (non in bagno, non in cucina)
  • lontane da sostanze facilmente infiammabili e evaporabili
  • con la scatola originale e con il foglietto illustrativo
  • per i cerotti è consigliabile conservarli in un posto fresco altrimenti finisce che la colla perde di efficacia e non si attaccano a dovere
  • gli sciroppi devono sempre stare nella loro scatola perché la luce li deteriora prima del tempo e comunque una volta aperti sono validi per un massimo di 3 mesi
  • un tubetto di pomata va buttato oltre i 12 mesi dall'apertura
  • una compressa spezzata va assunta entro 24 ore
  • il collirio una volta aperto va sempre conservato in frigo altrimenti si favorisce la proliferazione dei batterei
  • idem per alcuni tipi di fermenti lattici che contengono microrganismi vivi sensibili al calore, alla luce e agli sbalzi termici
E ora che il nostro armadietto dei medicinali è stato organizzato a dovere, non resta che fare un bell'inventario cartaceo da tenere attaccato all'anta, che ci tornerà senz'altro utile quando il medico ci prescriverà delle medicine e noi non saremo in grado di ricordare se l'abbiamo già acquistato o meno.

scarica PDF_lista medicine

Per finire ricordiamoci che i medicinali scaduti vanno smaltiti negli apposito contenitori posti fuori dalle farmacie, preoccupandoci di gettare separatamente nella differenziata, sia la scatola che il foglietto illustrativo.


Con questi piccoli consigli spero di avervi dato un aiuto nell'organizzazione delle vostre medicine e come sempre aspetto i vostri commenti e le vostre richieste.

Buona giornata!!!

Mammaserena

VERSIONE STAMPABILE IN PDF

Potrebbe interessarti anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...