grazie a SOGNI SU CARTA per l'immagine
Il blog è aperto a tutti, scrivete anche voi la vostra storia!!!

basta inviare una mail a [email protected]
oppure compilare il modulo di contatto per poter diventare autori

gruppo FB!!!!!!!!!!

a disposizione il gruppo FACEBOOK per consigli sui temi da trattare nelle rubriche e per condividere esperienze chiedete di essere aggiunte!!!! https://www.facebook.com/groups/783651041653544/

giovedì 20 giugno 2013

valigie

sabato partiamo per una settimana di mare... voi come siete organizzate con le valigie? quando le preparate?
io sono una valigia-lastminute e, sinceramente, non capisco chi ha la valigia pronta da 2 giorni, io le farò venerdì sera e sabato mattina le metto in macchina. Ci credete se vi dico che comunque mi porto uno zainetto con le cose che son rimaste fuori (leggi dimenticate) dalla valigia? Io sono quella che stira le cose 1 ore prima di metterle in valigia... 
PERO' ho pure delle liste strepitose per non dimenticare nulla... quelle mi salvano la vita!!!!
Le ho salvate sul pc e le adeguo ogni anno alla crescita dei bimbi, quest'anno niente pannolini e lettino per Princy, però i biberon ancora si.... niente passeggino per l'ometto ma la bicicletta...
Voi solitamente come fate?

LM
immagine presa da qui

mercoledì 19 giugno 2013

merenda con i nonni

MARTEDI' 18 GIUGNO
Al nido di Princy organizzano un sacco di belle iniziative: oggi pomeriggio, per esempio, c'è la merenda con i nonni.
Tutti i bambini, dopo l'orario dell'asilo (anche i part-time), vanno nel giardino dell'asilo nido con i nonni per poter stare insieme e fare in modo che i nonni conoscano l'ambiente dove i piccoli stanno per buona parte della giornata.
BENE
Mia mamma non si è voluta iscrivere (perché non sta bene etc etc), per mille validi motivi. 
I miei suoceri invece hanno accettato volentieri e qua casca l'asino. 
Mia mamma NON PUO' ESSERE INFERIORE agli altri nonni, per cui ha deciso che sarebbe andata anche lei e ieri mattina, all'ultimo, l'ho iscritta. 
Adesso arriva mio papà in ufficio (la merenda è tra un'ora) e mi dice che mia mamma NON va oggi... no maaaaaa ditemi voi. 
Alle quattro, vado alla materna a prendere Giovanni, poi vado da mia mamma a prendere Martina, la porto al nido dove ci sono gli altri nonni che la aspettano (per fortuna) E ME NE VADO!!!!
perché la merenda è per i nonni, mica per le mamme!!!!!!
e poi dicono che devono lasciar perdere.... con mia mamma non si può proprio ragionare nonono
MERCOLEDI' 19 GIUGNO
Stamattina mi son svegliata bene ed ho pensato che forse mia mamma non stava bene, che forse non se la sentiva di andare per il caldo ed ho un pò fatto pace con me stessa.
Alle 8.30 mi chiama per dirmi che posso andare a prendere i tappeti dell'ufficio che mio fratello ha portato a casa ieri sera, sono lavati e pronti.
Quindi la forza/voglia per lavare i tappeti ce l'ha avuto... quella per andare all'asilo di sua nipote no!!!

LM

martedì 18 giugno 2013

io manco son capace di sognare...

un'amica che ha piacere di restare anonima mi ha chiesto di pubblicare questo
io lo faccio con piacere sperando possa esserle di aiuto

Credo di non aver mai versato così tante lacrime negli ultimi 19 mesi.

Lacrime di gioia. Di preoccupazione. Di speranza. Di dolore. Di smarrimento. Di nervosismo. Di privilegio. Di rabbia. Di fede. Di delusione. Di incredulità. Di incertezza. Di amore. Di colpa. Di immensità. Di scoraggiamento. Di incertezza.

Tanta incertezza. Un mantra inconscio e indesiderato.

Fra le ennesime, nervose lacrime di qualche giorno fa, mi sono resa conto di non essermi mai sentita così straordinariamente e stupendamente forte ed invincibile come la mattina in cui il mio esserino ha spalancato vistosamente gli occhi alla vita. Quanto ero incredibilmente carica, sia fisicamente che emotivamente. Quanto mi sentivo importante, responsabile di un grande successo.

Quanto mi sentivo bene. Quanto mi sentivo bella.

E quanto ho iniziato a smettere di  sentirmi così.. a partire da 3 gg dopo. Montagne russe incredibili per mesi.. ora sempre più spesso in direzione tunnel. Non è facile, non lo è per niente. Dover chiudere nel cuore tanti, troppi pensieri. Dubbi. Incertezze. Paure. La cicogna, forse forse, non ha fatto poi una gran scelta nella consegna del suo pacchetto. Chissà come riusciremo a gestire il futuro, se già il presente continua ad essere pieno di nuvole. L’unico sole è lui. Un sole dai raggi insuperabilmente potenti. Ma basterà?

Ho bisogno di rivivere un po’ di invincibilità.
Ho bisogno di avere il coraggio di accettare risposte che io saprei darmi. Ma non voglio ascoltare.
Ho bisogno di un break.
Puff.

Aveva ragione un’amica che, tempo fa, raccontandomi quanto avesse penato per avere la sua bimba, aggiunse:
“.. ma non credere che realizzando un grande sogno tutto diventi più facile. Anzi. “


Io manco son capace di sognare.. 

lunedì 17 giugno 2013

benvenuta piccola ZOE

oggi è nato un miracolo, benvenuta piccola ZOE!!! 
congratulazioni a mamma e papà


È per te che sono verdi gli alberi 
e rosa i fiocchi in maternità 
è per te che il sole brucia a luglio giugno
è per te tutta questa città 
è per te che sono bianchi i muri 
e la colomba vola 
è per te il 13 dicembre 
è per te la campanella a scuola 
è per te ogni cosa che c'è ninna na ninna e... 
è per te che a volte piove a giugno 
è per te il sorriso degli umani 
è per te un'aranciata fresca 
è per te lo scodinzolo dei cani 
è per te il colore delle foglie 
la forma strana della nuvole 
è per te il succo delle mele 
è per te il rosso delle fragole 
è per te ogni cosa che c'è ninna na ninna e... 
è per te il profumo delle stelle 
è per te il miele e la farina 
è per te il sabato nel centro 
le otto di mattina 
è per te la voce dei cantanti 
la penna dei poeti 
è per te una maglietta a righe 
è per te la chiave dei segreti 
è per te ogni cosa che c'è ninna na ninna e... 
è per te il dubbio e la certezza 
la forza e la dolcezza 
è per te che il mare sa di sale 
è per te la notte di natale 
è per te ogni cosa che c'è 
ninna na ninna e... 

vorrei il terzo figlio


preparatevi ad un post/sfogo, quindi assolutamente irrazionale e senza senso (potete pure non leggerlo eh).

Io vorrei il terzo figlio, ecco l'ho detto!!

e non me ne frega niente se ho già un maschio ed una femmina (ma vorrei un altro maschio, che un'altra Princy è dura eh!!!!)
e non me ne frega niente se non posso contare sui nonni (se ho fatto con due, faccio pure con tre)
e non me ne frega niente se mio marito non è d'accordo (ho fatto fatica a fargli decidere per il primo ma ora non tornerebbe mai indietro)

MA devo anche tener conto che
ormai c'ho un'età
non è detto che "numero 3" decida di unirsi a noi
i soldi per il nido dove li trovo?
e mio marito che dice che, già così, siamo una gabbia di matti...

ecco
fine delle mie strane considerazioni del lunedì!!!

LM

giovedì 13 giugno 2013

un pò di sana ostentazione

e ci ricasco... non volevo pubblicare foto dei miei cuccioli, non mi sembra corretto nei loro confronti

eppure non riesco a farne a meno, devo ostentare il capitale che ho!!!!

mannaggia a me

LM

mercoledì 12 giugno 2013

pensando a te AMICA MIA

in questi giorni continuo a pensare ad un'AMICA di qua
una conosciuta tramite blog, poi tramite facebook ed infine incontrata di persona
lei è una splendida mamma, ma anche una donna che lavora ed infine è pure una runner
si barcamena tra doveri, piaceri e passioni e sta crescendo una bellissima famiglia
la prossima settimana si dovrà sottoporre ad un intervento chirurgico e LEI HA PAURA
ha paura per i suoi figli, perché sa che ogni bimbo ha bisogno della sua mamma
ha paura per suo marito, perché uno ha bisogno dell'altra
ha paura per sua mamma, che ha solo lei e i nipoti

LA PAURA è normale che ci sia, è giusto che ci accompagni e ci aiuti a non farci troppo male

ma AMICA MIA non lasciarti trascinare via dalla paura
pensa che affronti questo intervento per poter crescere con i tuoi figli
per poter invecchiare con tuo marito
per poter stare accanto alla tua splendida mamma

andrà tutto bene e tu ti scorderai presto di questa paura
e torneremo a ridere delle tue battute e degli aneddoti buffi che ci racconti
vorrei poter abbracciarti e dirti tutto questo di persona
TI VOGLIO BENE AMICA MIA!!!
LM

martedì 4 giugno 2013

Ma quant'è dura la salita!

Quando arriva un bimbo sicuramente sconvolge la vita dei due genitori che si ritrovano in casa questo esserino sconosciuto da un giorno all’altro, che parla una strana lingua (fatta di pianti e urla) così difficile da capire e intrepretare… quando poi gli esserini sono due a distanza abbastanza ravvicinata, le cose si complicano ulteriormente (tutta la mia stima ai genitori di gemelli).
Nel mio caso la fortuna è stata di avere un primogenito buono come un angelo, che giocava sul tappetone mentre la sorella ciucciava all’infinito…
Ma quei due esserini lì poi crescono.  E quella strada che sembrava in salita all’inizio, mica si è mai “spianata”!
E uno sale sale, arriva in cima alla vetta “evviva ce l’abbiamo fatta a togliere il pannolino” e pensa di trovarsi davanti una bella discesa… Invece, no, c’è un bel sentiero pianeggiante, ma di lì a poco inizia una salita ancora più ripida… e che vuoi fare?si va su!
… e abbiamo imparato ad andare a scuola senza fare storie (e senza incubi notturni)
… abbiamo imparato a giocare… e a perdere soprattutto…
…. abbiamo imparato a soffrire quel tanto che basta, perché anche se da bambini è tutto un gioco, il dolore ti sfiora, ma ogni tanto torna a farsi sentire, specie quando la vita ti colpisce nel vivo e ti toglie qualcuno di molto vicino…

 E tu, mamma, sei sempre lì… a tenere quelle manine, ad accompagnarli lungo quella strada, sperando che prima o poi quella discesa arrivi…

Insomma, le mie salite quest’anno, sono state diverse e aspetto con ansia la “pianura estiva”, perché a settembre penso che ce ne saranno ancora di toste!

Ho passato un anno scolastico a seguire i passi del mio figlio 11enne che si avvicina alle medie, a vederlo cambiare profondamente.  Lui, il mio cucciolo che si prendeva il suo rimprovero a testa bassa, ora quella testa non l’abbassa più, anzi, facile che risponda… Lui, che prima pensava solo al calcio e alle partite, ora scrive canzoni per quella ragazzetta con cui si scambia messaggi ogni sera…
Lui che, per la prima volta da quando ha iniziato l’asilo, quest’anno non ha tutta quell’ansia di finire la scuola… perché sa che dall’anno prossimo si ricomincia tutto da capo!
E i passi della figlia 9enne che, invece, è cambiata, ma in meglio, a scuola collabora e partecipa di più, solo parole buone da parte delle insegnanti… ma a casa ogni tre per due è in lacrime, perché è insicura e va continuamente tranquillizzata sul fatto  che si è preparata abbastanza e ce la farà …

Ho passato una “stagione calcistica” a vedere i miei cuccioli perdere e arrabbiarsi, a stare male sulle tribune, perché si vede che ce la mettono tutta (e non è un modo di dire, sto male davvero!), a prendere acqua se le “tribune” non c’erano, tanta da arrivare a casa coi pantaloni zuppi.  E, soprattutto, ho passato 8 mesi a filtrare le lamentele di mia figlia che giocava poco, le sue lacrime perché non lo trovava giusto (ma sta di fatto che ha due anni in meno e cominciano a pesare) fino alla sua decisione di smettere.

E poi ho passato 6 mesi ad assecondarli in questa loro passione per il canto.
Appuntamenti rinviati, corse per portarli a lezione, telefonate per organizzare gli spostamenti…  e le prove a casa, giornate intere a sentire una cucciola cantare, che per carità, bello finché vuoi, ma quando hai mal di testa a volte il silenzio fa piacere J
E poi si arriva al saggio… e ti ritrovi con l’insicurezza della cucciola di cui sopra, in lacrime anche la sera prima per la paura di sbagliare qualcosa… quell’altro, invece, tranquillo come un angelo, sicuro di sé come non l’avevo visto prima…
Un pomeriggio nei paraggi del teatro, perché so che se mi allontano mia figlia mi farà chiamare. Nervosa, cattiva quasi alle risposte, meglio lasciarla stare, lasciarla distrarre con gli altri ragazzetti dietro le quinte…
E poi ti trovi in quella platea e si apre il sipario e luci sono sul tuo stronzetto 11enne e parla solo lui con la sua voce che colora una canzone che neanche voleva cantare. Ti ritrovi in mezzo a due nonni in lacrime… Poi arriva lei e stai male, perché si vede che sta per piangere e preghi solo che riesca a vincere l’emozione e a finire quella benedetta canzone!
Io penso che i dolori del parto siano nulla confronto a quel dolore lì. A quel buco che scava lo stomaco… che è lo stesso che prova lei per l’agitazione, ma il tuo è moltiplicato all’ennesima potenza.
Ma lei è codigna (come si dice dalle mie parti) e ce la fa, nonostante l’attacco sbagliato, nonostante la voce che quasi le manca!
E per finire, quando, mentre lui canta la SUA canzone, parte l’ovazione, beh, c’è poco da dire… ti dimentichi proprio che stai andando in salita!
 Quando la gente ti ferma fuori per farti i complimenti, quando qualcuno ti dice che si è commosso ascoltandolo… quando tu stessa stenti a credere che quello lassù sia lo stesso cucciolo che ti si attaccava alla gamba quando lo lasciavi in lacrime all’asilo… beh allora pensi che puoi affrontarle tutte le salite, perché comunque ne vale la pena!
Già sono abbastanza gonfia di mio… ma ieri sera il gonfiore era tutto orgoglio J


Ps Dopo ieri sera cercherò di convincere mio figlio che forse ha più possibilità di far carriera nel canto che nel calcio… sappiatelo e siate miei testimoni nel caso mio marito mi faccia fuori!

Francesca

vita di una casalinga/lavoratrice ma comunque disperata....

parlatemi pure di parità dei sessi
ditemelo in maniera convinta che qualunque cosa faccia un uomo la può fare anche una donna
sono d'accordo con voi
ma sono anche convinta che nessuna donna potrà mai pensare come un uomo...
(immagine presa da qui)

Ieri sera stavamo giocando in giardino con i bimbi e coniuge si è messo a guardare le gomme della mia macchina (ed io mi chiedo: "uomo, cosa ti spinge a guardare le gomme di una macchina? cosa avranno di tanto interessante da dirti?"). Dopo questa intensa osservazione se ne esce con un deciso "domani devi andare dal gommista a mostrargli le gomme anteriori". Io sono ignorante in materia ed obbedisco. Stamani vado dal gommista (vi siete mai chiesti perché son tutti uomini? secondo voi il cromosoma Y aiuta a comprendere il linguaggio segreto dei pneumatici?) che ha decretato la morte imminente dei pneumatici anteriori. Ok, mi organizzo, vado in ufficio e ti mando qualcuno con la macchina, al che il gommista si è trasformato in un super eroe salvadonzellepneumaticignorante e mi ha proibito di muovere la macchina. A suo dire rischiavo l'esplosione della ruota con conseguenze assai pericolose.

Quindi grazie innanzitutto al cromosoma Y, grazie al coniuge che sussurra ai pneumatici, e grazie al gommista/supereroe/salvadonzellepneumaticignorante. Con il conto in banca più leggero adesso ho le gomme nuove!!!!!

LM

lunedì 3 giugno 2013

Perle di Martina


La Princy, da autodidatta quale è, si sta togliendo il pannolino da sola... (ditemi voi cosa devo fare io con questa bambola... ormai va a morosi...)

per farla breve, da una quindicina di giorni, quando è a casa si toglie il pannolino. L'abbiamo assecondata perché ci siamo stufati di doverle sempre toccare il culetto per sentire se ce l'aveva, e nel caso mancasse partire per la caccia al tesoro in giro per la casa per ritrovarlo (con lei che se la sghignazza). Ho accompagnato la piccola fashion-victim ad acquistare un vasino consono alle sue esigenze e lei ha scelto questo (rosa naturalmente)!!!
Sabato mattina stavamo uscendo di casa quando ci siamo accorti che lei era senza pannolino, coniuge ed io ci siamo guardati e la piccola vipera (che ha colto al volo lo sguardo) ha detto: "No, Nina gande, Nina mutandine" e noi (sciagurati) l'abbiamo assecondata. 
Così andò l'auto-spannolimento della Princy. Per metterle il pannolino per la nanna mi tocca litigarci!!!!! Oggi è al suo primo giorno di nido senza, ed uscendo mi luccicavano gli occhi. Non so se sia l'emozione, l'orgoglio o il fatto che mi son resa conto che lei è veramente troppo avanti rispetto al fratello... sta crescendo e lo sta facendo bene... e allora perché ho un nodo alla gola?

LM

(aggiornamento: al ritiro all'asilo alle 13.30 era scappata solo una volta...)
Post più recenti Post più vecchi Home page

Potrebbe interessarti anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...